Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit

FOLLOW ME

TWITTER GPLUS FACEBOOK BEHANCE PINTEREST
cover Tmp per articolo su packaging premiere

Packaging Premiere: anteprima sui nuovi trend del packaging di lusso.

Siamo stati al The Mall di Milano dal 16 al 18 maggio, per cogliere spunti e tendenze in vetrina a Packaging Premiere. La prima fiera italiana dedicata al packaging di lusso ha riunito produttori di materie prime, di complementi e di prodotti finiti per il confezionamento dei beni di lusso. Con oltre 3.000 visitatori registrati ha superato le stime più ottimistiche della società organizzatrice O.P.S. (Organizzazione Promozione Spazi) e i 2.800 operatori preregistratisi.

Grafica Valdarno

 

La location, il The Mall: scenografico, ricco, luccicante.

Il The Mall è uno spazio espositivo di 4.000 metri quadri in centro, esattamente ai piedi della Torre Diamante, l’ultimo grattacielo del business district del Progetto Porta Nuova. Qui il lusso si respira a ogni passo, impossibile non pensare a quanti all’interno di questi maestosi gioielli high tech vedranno questi packaging di lusso sulle loro scrivanie. L’organizzatore di Packaging Premiere, Pier Paolo Ponchia, dovrà (purtroppo o per fortuna) dire addio a questo contesto particolarmente riuscito l’anno prossimo, per fare posto a un maggior numero di espositori.

packaging-premiere-cover

The Mall: ingresso Packaging Premiere.

Il The Mall era al completo già alla prima edizione, con 96 espositori in rappresentanza di 100 aziende presenti (di cui il 25% dall’estero) e una cinquantina in lista d’attesa. Un successo che ha superato le più rosee aspettative. Nel 2018 quindi Packaging Premiere si sposterà al Centro Congressi del MiCo a fieramilanocity, con uno spazio raddoppiato.

Ch. Dahlinger

Gli espositori presenti alla prima edizione di Packaging Premiere.

“Cinque o sei aziende molto importanti”, continua Ponchia in un’intervista, “come Pusterla, Bormioli, Pisacane o Luxoro, hanno creduto in noi, facendo da traino per raccogliere le altre adesioni. Sono stati proprio loro a sponsorizzare gli eventi e invitare i clienti.”

Nel totale delle aziende presenti a questa prima edizione di Packaging Premiere la carta/cartotecnica ha prevalso sul vetro per cosmesi e per alcolici, che ha dimostrato un interesse tardivo. Milano, inoltre, è la città della moda e ospita il maggior numero di aziende di abbigliamento e accessori di lusso, interessate soprattutto a scatole, carta, nastri e tecniche di stampa.

Il packaging tattile nel confezionamento di lusso.

Vernici serigrafiche spessorate, serifoil, punzonature, vernici UV, floccature effetto velluto, lamine metallizzate iridescenti e olografiche: il packaging tattile è una delle tendenze cui le aziende guardano con interesse crescente. Seguendo i dettami del neuro-marketing, la confezione stessa diventa un oggetto in grado di creare esperienze sensoriali piacevoli al tatto, alla vista e all’olfatto, per stimolare il piacere nel processo di acquisto attraverso i sensi. Per raggiungere questo risultato numerose aziende propongono abbinamenti di materiali che spaziano dai cartoncini goffrati e glitterati, all’uso di materiali lenticolari fino all’utilizzo di metallo, ceramica e tessuto per la realizzazione di etichette per prodotti vinicoli e cosmetici.

Foilco – Dettaglio

Nuovi trend: laser cut su carta e cartoncino.

Tra le novità più rilevanti e scenografiche presenti a Packaging Premiere c’è sicuramente l’evoluzione del taglio laser applicata alla stampa. Piccoli capolavori su carta, cartone e cartoncino di cui abbiamo apprezzato in particolare i progetti di Grafica Valdarno e Sonderegger. Incisioni, micro forature e basso rilievi ottenuti per ablazione creano piccoli capolavori perfetti per confezioni, monografie e inviti. Intarsi, pizzi, miniature e grafiche creative prendono vita e aprono nuove frontiere ai designer del packaging di lusso, ma non solo.

Sonderegger

POST A COMMENT